Lo stemma del Comune di Pegognaga
Premessa
 

L’uso dello stemma e del gonfalone per gli Enti territoriali e morali è previsto come obbligatorio dal Regio Decreto del 13 aprile 1905, N° 234. Ogni comune deve avere la propria insegna che lo indica, lo rappresenta, lo contraddistingue. Inoltre, lo stemma serve per rendere autentici e riconoscibili gli atti e le comunicazioni emanati dal comune.

 

Per molti anni il Comune di Pegognaga ha utilizzato uno stemma e un gonfalone rispetto ai quali solo nel 2004 ha accertato che non era stata rilasciata alcuna concessione. Nell’archivio storico del Comune è presente un fascicolo datato 1949 nel quale è conservata un’istanza indirizzata alla Presidenza del Consiglio per il rilascio del decreto di riconoscimento. L’Ufficio Onorificenza e Araldica della Presidenza del Consiglio, all’uopo interessato, in data 26 gennaio 2004 e in data 12 marzo 2004 conferma l’esistenza di un fascicolo relativo agli emblemi del Comune di Pegognaga formatosi nel 1925, ma la pratica risulta non mai conclusa.

 

L’Ufficio Onorificenza e Araldica dopo aver consultato il proprio fascicolo e preso atto dello stemma utilizzato sottopone al Comune due sommari schizzi dello stemma rispetto ai quali invita a esprimere una preferenza.

In data 28 dicembre 2012 con deliberazione n° 76 il Consiglio Comunale assume gli “emblemi araldici” ed approva i bozzetti dello stemma e del gonfalone per la successiva domanda di concessione.

Con Decreto del Presidente della Repubblica 13 giugno 2013 sono concessi al Comune gli emblemi dello stemma e del gonfalone.

Il decreto concessivo sancisce i seguenti emblemi:

Stemma
 

di cielo, al dio Po, in forma di uomo vecchio, assiso e riposante, posto a sinistra con il corpo in profilo volto a destra, di carnagione, barbuto e cappelluto di argento, i fianchi cinti dal drappo di rosso, il braccio destro impugnate il remo d’oro con la pala all’ingiù, il braccio sinistro poggiato sulla bocca dell’anfora, coricata d’argento; il dio Po e l’anfora caricanti la collina di verse, uscente dai fianchi e digradante in banda, essa collina cimata a destra da due pioppi di verde caricata, attiguo le estremità inferiori del Dio, dal rocchio di colonna scanalata, di argento, munito del capitello dorico, con la scritta PADO PATRI, incisa in lettere maiuscole di nero sull’abaco; essa collina fondata sulla massa d’acqua, di azzurro, sgorgante dalla bocca dell’anfora, uscente dai fianchi, fondata in punta. Ornamenti esteriori da Comune.

gonfalone
 
Drappo partito di bianco e di rosso riccamente ornato di ricami d'argento e caricato dello stemma comunale con la iscrizione centrata in argento: Comune di Pegognaga. Le parti di metallo ed i cordoni saranno argentati. L'asta verticale sarà ricoperta di velluto dei colori del drappo, alternati, con bullette argentate poste a spirale. Nella freccia sarà rappresentato lo stemma dei Comune e sul gambo inciso il nome. Cravatta con nastri tricolorati dai colori nazionali frangiati d'argento.
Lo stemma di un Ente territoriale è un simbolo che raffigura la dignità, la storia, la personalità e l’immagine di un Comune.
ultima modifica: Comune di Pegognaga  16/05/2017
Risultato
  • 0
(0 valutazioni)


TORNA SU