CORONAVIRUS - Comune di Pegognaga (MN)

archivio notizie - Comune di Pegognaga (MN)

CORONAVIRUS

 

EMERGENZA CORONAVIRUS -

 

Aggiornamento del 12 giugno 2020

Il 12 giugno il presidente Attilio Fontana ha firmato l’Ordinanza n. 566, che integra le misure approvate dal DPCM dell’ 11 giugno 2020. Le disposizioni dell’Ordinanza n. 566 di Regione Lombardia sono valide da lunedì 15 giugno fino a martedì 30 giugno 2020, salvo dove diversamente indicato.

(ulteriori dettagli)

 

Aggiornamento del 5 giugno 2020

Il 5 giugno il presidente Attilio Fontana ha firmato l’Ordinanza n. 563, che insieme alla precedente Ordinanza n. 555 integra le misure approvate dal DPCM del 17 maggio 2020. Le disposizioni riportate nelle Ordinanze n. 563 e n. 555 di Regione Lombardia hanno validità fino al 14 giugno 2020, salvo dove diversamente indicato.

(Ulteriori dettagli)

 

Aggiornamento del 29 maggio 2020

Il 29 maggio il presidente Attilio Fontana ha firmato l’Ordinanza n. 555, che integra le misure approvate dal DPCM del 17 maggio 2020. Le disposizioni riportate nell’Ordinanza di Regione Lombardia sono efficaci dal 1° giugno e hanno validità fino al 14 giugno 2020, salvo dove diversamente indicato.

(Ulteriori dettagli)

 

Aggiornamento del 17 maggio 2020

Il Presidente Conte ha firmato il Dpcm recante le misure per il contenimento dell'emergenza epidemiologica da Covid-19 in vigore dal 18 maggio.

(Leggi il DPCM)

 

Il presidente Attilio Fontana ha firmato l’Ordinanza n. 547, che integra le misure approvate dal DPCM del 17 maggio 2020. Le disposizioni riportate nell’Ordinanza di Regione Lombardia hanno validità fino al 31 maggio 2020.

(Ulteriori dettagli)

 

Aggiornamento del 13 maggio 2020

Il Presidente Attilio Fontana ha firmato l’Ordinanza regionale n. 546 del 13 maggio. Il provvedimento prevede alcune prescrizioni per i datori di lavoro, più restrittive di quelle statali, per garantire la tutela della salute in tutti i luoghi di lavoro in Lombardia (es. attività produttive, uffici, negozi, attività aperte al pubblico etc.).

Le misure sono valide dal 18 al 31 maggio

(Leggi l'Ordinanza Regionale)

 

Aggiornamento del 7 maggio 2020

Il Presidente Attilio Fontana ha integrato le precedenti disposizioni con l’Ordinanza regionale n.541 del 7 maggio 2020. L'Ordinanza consente la riapertura di impianti, centri e siti sportivi dove praticare sport individuali all'aperto e prevede alcune disposizioni per garantire la sicurezza igienico-sanitaria delle strutture.

(leggi l'Ordinanza Regionale)

 

Aggiornamento del 3 maggio 2020

L’Ordinanza n. 539 del 3 maggio 2020, firmata dal Presidente Attilio Fontana in sostituzione della precedente Ordinanza n. 537 del 30 aprile 2020, stabilisce specifiche indicazioni valide per la Lombardia dal 4 al 17 maggio, ad integrazione delle norme nazionali previste dal DPCM del 26 aprile.

(leggi l'Ordinanza Regionale)

 

Aggiornamento del 26 aprile
Il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, ha firmato il dpcm che contiene le misure per il contenimento dell'emergenza Covid-19 nella cosiddetta "fase due".
Le misure introdotte dal nuovo Dpcm per il contenimento del contagio da Covid-19 saranno valide dal 4 maggio e per le successive due settimane.

(leggi il DPCM)

 

Aggiornamento dell’11 aprile 2020

Il Presidente Fontana ha firmato la nuova ordinanza n. 528 dell’11 aprile 2020 che prevede misure per la prevenzione e la gestione dell’emergenza epidemiologica da covid-19 valide dal 14 aprile fino al 3 maggio 2020

(leggi l'Ordinanza Regionale)

 

Aggiornamento del 10 aprile
Il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, ha firmato il dpcm che proroga fino al 3 maggio 2020 le misure fin qui adottate per il contenimento del contagio epidemiologico da Covid-19.

(leggi il DPCM)

 

Aggiornamento del 6 aprile
Il Presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, ha firmato il 6 aprile nuova Ordinanza regionale n.522 che introduce alcune modifiche all’ordinanza n.521 del 4 aprile, in vigore dal 7 aprile.

(leggi l'Ordinanza Regionale)

 

Aggiornamento del 4 aprile
Il Presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, ha firmato il 4 aprile la nuova Ordinanza regionale n.521che proroga fino al 13 aprile le misure restrittive introdotte dalle precedenti Ordinanze regionali del 21, 22 e 23 marzo. 

(leggi l' Ordinanza Regionale)

 

Aggiornamento del 1 aprile

Il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, ha firmato il dpcm che proroga fino al 13 aprile 2020 le misure fin qui adottate per il contenimento del contagio epidemiologico da Covid-19.

(leggi il DPCM)

 


Aggiornamento del 26 marzo

DECRETO-LEGGE 25 marzo 2020, n. 19 

Misure urgenti per fronteggiare l'emergenza epidemiologica da COVID-19. (20G00035) (GU Serie Generale n.79 del 25-03-2020)

note: Entrata in vigore del provvedimento: 26/03/2020

https://www.gazzettaufficiale.it/eli/id/2020/03/25/20G00035/sg

 


Aggiornamento del 22 marzo

Il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, ha firmato il dpcm che introduce ulteriori misure in materia di contenimento e gestione dell'emergenza epidemiologica da COVID-19, applicabili sull'intero territorio nazionale.

http://www.governo.it/it/articolo/coronavirus-firmato-il-dpcm-22-marzo-2020/14363


 

Aggiornamento del 21 marzo

È pubblicata l’ordinanza del Presidente di Regione Lombardia Attilio Fontana che dispone limitazioni ancora più stringenti per contrastare la diffusione del coronavirus nella nostra Regione.

L'ordinanza è in vigore dal 22 marzo fino al 5 aprile, salvo variazioni dovute all'evoluzione dell’emergenza sanitaria, ed è stata condivisa con i sindaci dei capoluoghi della Lombardia, 

https://www.regione.lombardia.it/wps/portal/istituzionale/HP/DettaglioRedazionale/servizi-e-informazioni/cittadini/salute-e-prevenzione/Prevenzione-e-benessere/red-coronavirusnuoviaggiornamenti


Ordinanza firmata dal Ministro della Salute, Roberto Speranza, del 20 marzo 2020
Di seguito le misure stabilite nell'ordinanza, che avranno validità fino al 25 marzo:

  • è vietato l’accesso del pubblico ai parchi, alle ville, alle aree gioco e ai giardini pubblici;
  • non è consentito svolgere attività ludica o ricreativa all’aperto; resta consentito svolgere individualmente attività motoria in prossimità della propria abitazione, purché comunque nel rispetto della distanza di almeno un metro da ogni altra persona;
  • sono chiusi gli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande, posti all’interno delle stazioni ferroviarie e lacustri, nonché nelle aree di servizio e rifornimento carburante, con esclusione di quelli situati lungo le autostrade, che possono vendere solo prodotti da asporto da consiunarsi al di fuori dei locali;
  • restano aperti quelli siti negli ospedali e negli aeroporti, con obbligo di assicurare in ogni caso il rispetto della distanza interpersonale di almeno un metro;
  • nei giorni festivi e prefestivi, nonché in quegli altri che immediatamente precedono o seguono tali giorni, è vietato ogni spostamento verso abitazioni diverse da quella principale, comprese le seconde case utilizzate per vacanza.

Leggi l'ordinanza.
 


Decreto legge del 17 marzo 2020

Il Decreto Legge pubblicato nella Gazzetta Ufficiale  del 17 marzo 2020 dal Consiglio dei Ministri introduce disposizioni urgenti per fronteggiare le conseguenze dell’emergenza Covid-19.

Il Decreto prevede misure a sostegno di lavoratori, famiglie, aziende e disposizioni urgenti per il potenziamento del sistema sanitario.

Il testo integrale in allegato

 


DPCM 11 MARZO 2020

Informiamo che il Consiglio dei Ministri ha approvato nuove misure urgenti, valide DA OGGI 12 MARZO FINO AL 3 APRILE.
Sul sito di Regione Lombardia, al link allegato, trovate il decreto completo.

https://www.regione.lombardia.it/wps/portal/istituzionale/HP/DettaglioRedazionale/servizi-e-informazioni/cittadini/salute-e-prevenzione/Prevenzione-e-benessere/red-coronavirusnuoviaggiornamenti

 

Si ricorda che è possibile contattare il numero 1500 per richieste di informazioni e il numero verde 800 894 545 solo se si ritiene di avere dei sintomi della malattia.

Misure previste:

Mobilità
Evitare ogni spostamento delle persone fisiche, salvo che per gli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità ovvero spostamenti per motivi di salute. È consentito il rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza.
Ai soggetti con sintomatologia da infezione respiratoria e febbre (maggiore di 37,5°C) è fortemente raccomandato di rimanere presso il proprio domicilio e limitare al massimo i contatti sociali, contattando il proprio medico curante.
Divieto assoluto di mobilità dalla propria abitazione per i soggetti sottoposti a quarantena o risultati positivi al virus.

Attività sportive
Sono sospesi gli eventi e le competizioni sportive di ogni ordine e disciplina, in luoghi pubblici o privati.
Sono sospese le attività di palestre, centri sportivi, piscine, centri benessere, centri termali (fatta eccezione per l’erogazione delle prestazioni rientranti nei livelli essenziali di assistenza), culturali, sociali e ricreativi.  Gli impianti sono utilizzabili a porte chiuse, oppure all'aperto senza la presenza di pubblico, soltanto per le sedute di allenamento di atleti riconosciuti di interesse nazionale dal CONI e dalle rispettive federazioni, in vista della loro partecipazione ai Giochi Olimpici o a manifestazioni nazionali ed internazionali.
Sono chiusi gli impianti nei comprensori sciistici.

Lavoro
Si raccomanda ai datori di lavoro pubblici e privati di promuovere, durante il periodo di efficacia del presente decreto, la fruizione da parte di lavoratori dipendenti dei periodi di congedo ordinario e ferie.
Sono adottate in tutti i casi possibili modalità di collegamento da remoto nello svolgimento di riunioni.
Sono sospesi i congedi ordinari del personale sanitario e tecnico.

Manifestazioni, eventi, tempo libero e luoghi di culto
Sono sospese tutte le manifestazioni organizzate nonché gli eventi in luogo pubblico o privato, ivi compresi quelli di carattere culturale, ludico, sportivo, religioso e fieristico, anche se svolti in luoghi chiusi ma aperti al pubblico.
Sono sospese le cerimonie civili e religiose, comprese quelle funebri.
Sono chiusi i musei e gli istituti culturali.

Istruzione e formazione
Sono sospesi i servizi educativi per l’infanzia e le attività didattiche in presenza nelle scuole di ogni ordine e grado e di formazione superiore, comprese le Università, i corsi professionali, master, corsi per le professioni sanitarie e università per anziani e i corsi e attività formative svolte da altri enti pubblici e da soggetti privati.
Resta ferma la possibilità di svolgere attività formativa a distanza.
Sono sospese le procedure concorsuali pubbliche e private e gli esami di idoneità presso gli uffici della motorizzazione civile.

Attività commerciali e di ristorazione

Sono sospese le attività commerciali al dettaglio, tranne le attività di vendita di generi alimentari e di prima necessità individuate nell'allegato 1 del DPCM dell'11 marzo 2020. Restano aperte le edicole, i tabaccai, le farmacie, le parafarmacie. Sono sospese le attività dei servizi di ristorazione ad esclusione delle mense e del catering continuativo su base contrattuale, che garantiscano la distanza di sicurezza interpersonale di un metro. Restano aperti gli altri servizi ed attività elencati all'art. 1, comma 2) 4) e all'allegato 2 del DPCM 11 marzo 2020

 

 


Le  precedenti disposizioni, definite nei DPCM dell’ 8 marzo e del 9 marzo,  rimangono valide fino al 3 aprile 2020 tranne dove incompatibili con quelle definite dal Decreto dell'11 marzo.

 

Per facilitazione, riportiamo la sintesi delle principali misure previste all’art. 1 del DPCM 9 marzo :

• Evitare ogni spostamento delle persone fisiche, salvo che per gli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità ovvero spostamenti per motivi di salute;
• Ai soggetti con sintomatologia da infezione respiratoria e febbre (maggiore di 37.5° C) è fortemente raccomandato di rimanere presso il proprio domicilio e limitare al massimo i contatti sociali, contattando il proprio medico curante;
• Sono sospesi gli eventi e le competizioni sportive di ogni ordine e disciplina in luoghi pubblici e privati. Restano consentiti gli allenamenti e le manifestazioni a porte chiuse solo per gli atleti professionisti;
• Sono sospese tutte le manifestazioni organizzate di carattere culturale, ludico, sportivo, religioso e fieristico;
• Sono sospesi i servizi educativi per l’infanzia e le attività didattiche in presenza nelle scuole di ogni ordine grado;
• Sono consentite le attività di ristorazione e bar dalle ore 6 alle ore 18, con obbligo a carico del gestore di predisporre le condizioni per garantire la possibilità del rispetto della distanza di sicurezza di almeno un metro;
• Sono consentite attività commerciali, diverse da bar e ristoranti, a condizione che il gestore garantisca un accesso con modalità contingentate o comunque idonee a evitare assembramenti di persone. Nelle giornate festive e prefestive sono chiuse le medie e grandi strutture di vendita, nonché gli esercizi commerciali presenti all'interno dei centri commerciali e dei mercati;
• Non è prevista la chiusura di farmacie, parafarmacie e punti vendita di generi alimentari;
• Sono sospese le attività di palestre, centri sportivi, piscine, centri benessere (fatta eccezione per le prestazioni LEA), centri culturali, centri sociali e ricreativi;
• Sono sospese le attività di scuole di ballo, cinema, teatri, musei, biblioteche, luoghi della cultura, sale giochi, sale scommesse e locali assimilati.

È fatta espressa raccomandazione a tutte le persone anziane o affette da patologie di evitare di uscire dalla propria abitazione salvo in casi di stretta necessità.

Comunicheremo ogni ulteriore aggiornamento su atti o chiarimenti che verranno assunti dagli enti competenti con la massima tempestività.

Come sempre, ricordiamo di far affidamento solamente a fonti d'informazione ufficiali.

https://www.regione.lombardia.it/wps/portal/istituzionale/HP/DettaglioRedazionale/servizi-e-informazioni/cittadini/salute-e-prevenzione/prevenzione-e-benessere/red-coronavirusnuoviaggiornamenti

 

IN CASO DI MALESSERE CON SINTOMI INFLUENZALI, EVITARE DI RECARSI AL PRONTO SOCCORSO E CONTATTARE I SEGUENTI

NUMERI UTILI

Ministero della salute                                            1500

Regione Lombardia Numero Verde         800894545

Servizio di Emergenza Urgenza                           112


CORONAVIRUS (COVID 19)

Information in English, French, Spanish, Chinese, Arabic 

https://www.en.regione.lombardia.it/wps/portal/site/en-regione-lombardia/health/covid-19

 

I siti istituzionali per ottenere informazioni e approfondimenti sul Coronavirus sono i seguenti:

http://www.salute.gov.it/nuovocoronavirus

https://www.regione.lombardia.it/wps/portal/istituzionale/HP/DettaglioRedazionale/servizi-e-informazioni/cittadini/salute-e-prevenzione/prevenzione-e-benessere/coronavirus-decalogo-ministero

https://www.epicentro.iss.it/coronavirus/

Pubblicato il 
Aggiornato il 
Risultato (115 valutazioni)